Letteratura italiana

Il disegno storico della letteratura italiana si estenderà dallo Stilnovo al Romanticismo. Abbiamo selezionato, lungo l’asse del tempo, i momenti più rilevanti della civiltà letteraria, gli scrittori e le opere che più hanno contribuito sia a definire la cultura del periodo cui appartengono, sia ad arricchire, in modo significativo e durevole, il sistema letterario italiano ed europeo, tanto nel merito della rappresentazione simbolica della realtà, quanto attraverso la codificazione e l’innovazione delle forme e degli istituti dei diversi generi.

Affrontiamo un panorama composito, da differenti strutture sociali ai loro rapporti con i gruppi intellettuali (la borghesia comunale, il clero, le corti, la città, le forme della committenza), dall’affermarsi di visioni del mondo (l’umanesimo, il rinascimento, il barocco, l’Illuminismo) a nuovi paradigmi etici e conoscitivi (la nuova scienza, la secolarizzazione).

È dentro questo quadro che troveranno necessaria collocazione, oltre a Dante, la vicenda plurisecolare della lirica (da Petrarca a Foscolo), la grande stagione della poesia narrativa cavalleresca (Ariosto, Tasso), le varie manifestazioni della prosa, dalla novella al romanzo (da Boccaccio a Manzoni), dal trattato politico a quello scientifico (Machiavelli, Galileo), l’affermarsi della tradizione teatrale (Goldoni, Alfieri).

In ragione delle risonanze novecentesche della sua opera e, insieme, della complessità della sua posizione nella letteratura europea del XIX secolo, abbiamo affrontato la personalità di Giacomo Leopardi.

Al centro del percorso vi sono gli autori e i testi che più hanno marcato l’innovazione profonda delle forme e dei generi, prodottasi nel passaggio cruciale fra Ottocento e Novecento, segnando le strade lungo le quali la poesia e la prosa ridefiniranno i propri statuti nel corso del XX secolo. Pascoli, D’Annunzio, la rappresentazione del “vero” in Verga e la scomposizione delle forme del romanzo in Pirandello e Svevo costituiscono altrettanti momenti non eludibili del costituirsi della “tradizione del Novecento”.

Dentro il secolo XX e fino alle soglie dell’attuale, il percorso della poesia, che esordirà con le esperienze decisive di Ungaretti, Saba e Montale, affiancati ad autori della lirica coeva e successiva (per esempio Rebora, Campana, Luzi, Sereni, Caproni, Zanzotto, …). Infine la narrativa, dalla stagione neorealistica ad oggi, con autori significativi come Gadda, Fenoglio, Calvino, P. Levi, Pavese, Pasolini, Morante, Meneghello.

La letteratura medievale

Le letterature romanze

La letteratura religiosa

La poesia lirica dalla Scuola Siciliana allo Stil Novo

La poesia comica

L'origine della novella

Dante

Dante e la Commedia

1 di 1

X